contact US

Please use the form on the right to get in touch with Menotrentuno team. We will reply as soon as possible. Thank you.

 

Name *
Name


villanova monteleone
Italy

Ritorna l’appuntamento con l’Europa. L’associazione culturale Su Palatu_Fotografia promuove la quarta edizione di Menotrentuno, rassegna fotografica internazionale dedicata a giovani professionisti dell’immagine, rigorosamente scelti sotto i 31 anni di età. Tema di quest'anno la Memoria.

FOTOGRAFI


MOHAMED KEITA [Costa d'Avorio - Italia]
Vel Marì

Alghero (SS) dal 4 Agosto al 4 Settembre presso Lo Quarter, Via di San Francesco.
Inaugurazione 4 Agosto.

Mohamed Keita, nato in Costa d’Avorio e in Italia come rifugiato politico dal 2010, presenta un lavoro site specific realizzato con i ragazzi ospitati dal centro d'accoglienza algherese Vel Marì. Il salto verso la salvezza, l'abbandono delle origini e la ricerca di una casa che sia nuova, lacerati sempre tra passato e futuro, nostalgia e speranza.

Bio
Nato in Costa d’Avorio, compie il viaggio attraverso il Mali, il deserto libico, Malta per arrivare in Italia come rifugiato politico nel 2010.
Grazie alla frequentazione del centro diurno per minori Civico Zero di Roma, intraprende la carriera artistica come fotografo.
Vive e lavora a Roma.


YEVGENY NAKONECHNYY [Russia]
Okoem - Lo spazio intorno

Vigne Surrau s.p. Arzachena - Porto Cervo Km.1 dal 22 Luglio al 4 Settembre.
Inaugurazione 22 Luglio ore 18.00.

Okoem era una parola usata da poeti e scrittori nell'antica Russia per indicare un certo tipo di paesaggio che sollecita emozioni ed esperienze. Questi paesaggi sono importanti ancora oggi, un aiuto e una guida per l'uomo moderno.

Bio
Yevgeny Nakonechnyy iniziato a fotografare nel 2011. Ha studiato in una delle accademie fotografiche di Mosca, dove ha appreso i concetti base del lavoro su tecnica e linguaggio visivo della fotografia. Nel 2013 partecipa per la prima volta ad una mostra come candidato nel popolare concorso di reportage "Silver Camera", Mosca. Dal 2013 inizia a lavorare a delle serie personali. Vincitore di concorsi russi e internazionali, partecipa costantemente a mostre. Nella sua ricerca si concentra sul paesaggio naturale e sociale.


TIZIANO DEMURO [Italia]
Affinità Elettive

Cagliari (CA) dal 21 Luglio al 6 Agosto, Temporary Storing via XXIX novembre 3-5.
Inaugurazione 21 Luglio ore 19:00.

l'Heimat di Demuro è lo specchio di noi stessi nell'altro. La ricerca di un percorso che ha senso nella condivisione. Una identità biologico-affettiva, un dittico costante che trova nel paesaggio eco e conferma. Uno sguardo che dal hic et nunc si spalanca sul contemporaneo.

Bio

Nato a Ozieri nel 1992, vive a Oschiri (Sardegna). Si diploma al Liceo Artistico Statale di Olbia come grafico pubblicitario; frequenta un corso di stampa tessile all’ADL di Milano. Al ritorno in Sardegna frequenta l’Accademia di Belle Arti di Sassari, corso di Arte e Media.
Nel settembre 2013 si classifica come il vincitore del Premio Basquiat come miglior artista under 30. Sempre nel 2013 viene selezionato per partecipare ad installazioni presso Union Square a New York e presso le Galeries Lafayette a Parigi nel contesto della campagna #DieselReboot. Successivamente espone in numerose mostre in giro per la penisola, Olbia, Tempio, Cagliari, Ferrara, Sassari, Roma, Pescara, Bergamo. Collabora con alcune aziende operanti nel settore moda e accessori. I-D Magazine lo ha recentemente inserito nella top 5 dei creativi italiani da seguire su Instagram.


MIIA AUTIO [Finlandia]
Ho gridato alle montagne, le ho sentite vibrare

Florinas (SS) dal 30 Luglio al 30 Settembre presso le vie del centro storico.
Inaugurazione 30 Luglio ore 19:00.

La serie parla di rifugiati ruandesi scappati in Europa e dei ricordi della patria che hanno lasciato dietro di sé. Autio ha fotografato i rifugiati in diversi paesi europei e i paesaggi ruandesi che hanno descritto. I ritratti e i paesaggi formano un'entità coesa che considera il rapporto tra terra, paesaggio e identità, riconoscendo la soggettività dei ricordi.

Bio
È una fotografa e artista interessata a lavorare a questioni sociali presentandole in modo che la conoscenza e la comprensione nascano dall'interazione tra lo spettatore e l'opera. Nelle sue opere affronta i temi dell'identità e dell'estraneità e riflette sulla fotografia come mezzo.


ORESTIS SEFEROGLOU [Grecia]
Idomeni, il territorio in-certo

Lodine (NU) dal 23 Luglio al 4 Settembre presso le vie del centro storico.
Inaugurazione 23 Luglio ore 18:00.

Dal 2014, i rifugiati provenienti dalla Siria, Afghanistan, Pakistan e altri paesi del Medio Oriente hanno iniziato ad affollare Idomeni, villaggio greco al confine con la Macedonia, per arrivare poi in Europa occidentale. Questo sito di confine è l'immagine dell'incapacità dell'Europa di gestire e risolvere questo flusso di rifugiati senza precedenti.

Bio
Seferoglou ha iniziato la sua carriera come fotoreporter per Eleftherotypia, quotidiano nazionale, e per la rivista EPSILON, BHMAgazine, METRO e altro ancora. Collabora con l'agenzia fotografica SOOC e lavora come fotografo freelance per VICE Grecia e Kathimerini. Il lavoro di Seferoglou è stato esposto in numerose mostre, tra cui Athens Photo Festival, Medphoto Festival Fotografia Mediterraneo, Docfield Barcellona, Festival Territoires en Images di Parigi. Nel 2016 è stato nominato per il World Press Photo Joop Swart Masterclass.


NIELS ACKERMANN [Svizzera]
L'angelo bianco

Sassari (SS) dal 20 Luglio al 7 Agosto presso il Palazzo della Frumentaria.
Inaugurazione 20 Luglio ore 19:00.

Nel 2016 il mondo ricorda il 30° anniversario del disastro di Chernobyl Per tre anni Ackermann ha fotografato i giovani di Slavutych, la città più giovane dell'Ucraina, la città che è nata dalla catastrofe. I giovani di Slavutych guardano gli errori dei loro genitori e puntano a costruire un futuro sereno e prospero, nonostante un contesto difficile.

Bio

Ackermann è un fotoreporter che lavora per la stampa internazionale dal 2007, membro- fondatore dell'agenzia Lundi13. Vive a Kiev, Ucraina, dal 2015. Nel 2016 ha vinto il Swiss Press Photographer of the Year. Magazine L'Hebdo lo ha selezionato nel 2015 come uno dei 100 giovani svizzeri che stanno plasmando il futuro della Svizzera.


ALICE MYERS [Gran Bretagna]
Il cielo è in terra

Villaverde (OR) dal 25 Luglio al 4 Settembre presso le vie del centro storico.
Inaugurazione 25 Luglio ore 19:00.

“Questo lavoro è stato realizzato nella zona circostante la foce Sruth Fada Conn, Irlanda, tra il 2009 e il 2012. In questa zona, vi è una forte opposizione all'installazione di una condotta gas sotto l'estuario. Le persone con cui ho parlato e i luoghi che ho visitato sono stati scelti in base al mio interesse per questa resistenza. Il progetto si sviluppa nelle zone a cui le persone sono più legate.”

Bio
Ha realizzato progetti in Irlanda, Francia, Messico e Regno Unito. Per il suo progetto più recente ha lavorato con i migranti a Calais per due anni. Il libro che ne è nato, “Nulla è impossibile Sotto il Sole”, è stato selezionato per il MACK First Book Award ed è stato pubblicato dalle edizioni Sound of a Picture.
Alice si è laureata in Fotografia al London College of Communication nel 2013. Premi principali includono il Jerwood Award (2008) e Magnum Premio IdeasTap / (2012). Tra le mostre Al naturale + Wild Eyed alla Photographers 'Gallery (2014) e una mostra personale al Likovni Salon, Slovenia (2015).


ANDREA ALFANO [Italia]
Nelle terre di arsuneli

Neoneli (OR) dal 10 Agosto al 4 Settembre presso le vie del centro storico.
Inaugurazione 10 Agosto ore 19:00.

Alfano ha condiviso giorni e riti con la comunità di Neoneli che si è offerta ai suoi occhi e al suo obiettivo. Con l'umiltà dell'ospite e la curiosità del viaggiatore, Alfano ha raccolto il canto delle pietre che circondano e fondano il paese, ne ha ascoltato memorie, intuito il futuro.

Bio
Alfano è un visual storyteller che opera nel campo della fotografia documentaria. Attualmente divide il suo tempo tra il lavoro di ricerca sui suoi progetti personali e il lavoro su committenza.
Andrea usa la fotografia come mezzo per comprendere le complesse dinamiche delle vicende umane e il suo unico, vero, obiettivo è instaurare rapporti di profonda intimità con le storie che racconta attraverso le immagini.



ROBERTA MASALA [Italia]
Ballo a Tre Passi

Alghero (SS) dal 4 Agosto al 4 Settembre presso Lo Quarter, Via di San Francesco.
Inaugurazione 4 Agosto.

La studentessa dell'Accademia di Belle arti di Sassari ha invitato le persone a raccontare la loro Heimat. “Quale luogo ti fa sentire a casa?” Là dove la parola sente il peso dei suoi limiti subentra l'immagine. La fotografia si fa carico di un processo spirituale che sappia unire, saldare insieme aspetti sociali, politici o squisitamente emotivi.

Bio
Nasce nel 1990 ad Iglesias, Sardegna. Frequenta per un anno una scuola sperimentale di fotografia a Cagliari e attualmente studia Arte e Nuovi Media presso l'Accademia di Belle Arti di Sassari. È stata selezionata tra i fotografi italiani promossi in Germania dall'Associazione Arces Kultur. Ha esposto alcuni dei suoi lavori presso il Centro Comunale d'Arte e Cultura Exmá di Cagliari e in altri eventi artistici in tutta l'isola.


JASPER WALTER BASTIAN [Germania]
Across the river/dall'altra parte del fiume.

Bitti (NU) dal 5 Agosto al 30 Settembre presso le vie del centro storico.
Inaugurazione 5 Agosto ore 19.00.

Progetto che esamina le cicatrici di Mitrovica. Un tempo una delle aree più ricche della ex Jugoslavia, oggi è spaccata in due dal fiume Ibar, barriera sia fisica che ideologica tra il nord e il sud della città. Mentre la parte sud di Mitrovica, albanese, afferma di appartenere alla stato indipendente del Kosovo, la zona Nord dichiara fedeltà alla Serbia.

Bio
Si è laureato in fotografia all'Università di Scienze e Arti Applicate di Dortmund e ha studiato fotogiornalismo alla Scuola Danese di Media e Giornalismo. La sua ricerca - come si vede nei lavori “Across the river” e “A road not taken” - si concentra sugli effetti “divisionisti” dei confini e la loro influenza sui concetti di nazionalità e comunità. Bastian è stato finalista per il “Leica Oskar Barnack Newcomer Award” (2014). È stato uno dei vincitori del concorso “30 under 30” organizzato dalla Magnum (2015) e del “PDN Photo Annual” (2016). Il suo lavoro è stato esposto in Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Finlandia, Serbia e Georgia.


KEVIN FAINGNARERT [Belgio]
Matavenero

Florinas (SS) dal 30 Luglio al 30 Settembre presso le vie del centro storico.
Inaugurazione 30 Luglio ore 19:00.

Matavenero è un ecovillaggio collocato in una remota regione montagnosa nel nord ovest della Spagna. Dal 1989 il paese è stato popolato da un mix internazionale di persone che vogliono vivere semplicemente, in armonia con la natura. Nella primavera del 2015 mi sono avventurato verso Matavenero per documentare la vita dei suoi abitanti.

Bio
Kevin Faingnaert è un fotografo documentarista e un ritrattista che vive a Gent, in Belgio. Ha fatto conoscere il suo nome fotografando oscure comunità e sottoculture.


ANTOINE BRUY [Francia]
Nella boscaglia (scrubsland)

Ghilarza (OR) dal 10 Settembre al 3 Ottobre presso le vie del centro storico.
Inaugurazione 10 Settembre.

Dal 2010 al 2013 ho fatto autostop in tutta Europa per incontrare uomini e donne che hanno fatto la scelta radicale di vivere lontano dalle città, abbandonando uno stile di vita basato sulle prestazioni, l'efficienza e il consumo. Senza itinerario prefissato, questo viaggio è diventato per me una ricerca iniziatica simile a quella di queste famiglie.

Bio
Nata nel 1984 in Russia, vive ad Amsterdam, è una ricercatrice, fotografa e curatrice freelance. Nel 2011 si è laureata in Film e studi fotografici all'Università di Leiden. Precedentemente aveva già conseguito due lauree all'Università di S. Pietroburgo. Nella primavera estate del 2001 ha lavorato per Foam magazine, Amsterdam. 


SERENA VITTORINI [Italia]
Four seasons

Lodine (NU) dal 23 Luglio al 4 Settembre presso le vie del centro storico.
Inaugurazione 23 Luglio ore 18:00.

La giovane fotografa romana ha lavorato nella comunità di Lodine. Le stagioni della terra come metafora della vita per declinare il legame con la natura, il senso delle radici, l'appartenenza alla terra. Un viaggio fotografico lirico e fortemente simbolico.

Bio
Nata a l'Aquila nel 1990 e vive a Roma. Dopo il conseguimento della laurea in Psicologia decide di dedicarsi totalmente allo studio della tecnica fotografica, presso l'ISFCI (Istituto superiore di fotografia e comunicazione integrata). Oltre agli studi inizia a lavorare come fotografa freelance concentrandosi per lo più sulle commissioni relative alla ritrattistica e allo still life. Di pari passo alla sua carriera lavorativa evolve anche quella artistica che le permette di realizzare dei progetti personali (alcuni dei quali già presentati in mostra).


SOFIE AMALIE KLOUGART [Danimarca]
La fattoria dentro il vilaggio

Villanova Monteleone dal 29 Luglio al 4 Settembre presso Cortile ex INA.Case, Via Nazionale 77.
Inaugurazione 29 Luglio ore 19:00.

Nel villaggio danese di Kare si trova una vecchia fattoria chiamata Karbygaard, completamente distrutta dall'incuria. Un gruppo di persone del villaggio lotta per ridare vita alla fattoria; altri hanno rinunciato e aspettano che aiuti e idee arrivino dall'esterno.

Bio
È una fotografa indipendente e attualmente vive a Copenhagen, Danimarca. Si è laureata in fotogiornalismo alla Scuola danese di Media e Giornalismo (2009-2013). Come parte della sua formazione ha lavorato come fotografo per il giornale danese Dagbladet Informazion. Ha vinto premi nel contest Danish Press Photo nell'anno 2011 e 2013. Nel 2012 è stata scelta per partecipare al prestigioso laboratorio Joop Swart Masterclass, organizzato dall'organizzazione World Press Photo. Il suo lavoro è stato pubblicato sul British Journal of Photography e su GUP Magazine. Nel 2015 Sofie Amalie Klougart ha vinto il Lensculture Emergent Talent Award 2015 con il progetto a lungo termine Reaching Europe



KOTRYNA ULA KILIULYTE (Lithuania)
Il villaggio di Dubininkai

Villaverde (OR) dal 25 Luglio al 4 Settembre presso le vie del centro storico.
Inaugurazione 25 Luglio ore 19:00.

Dubininkai è un villaggio nella zona rurale della Lituania. Un tempo era un insediamento con persone, animali e visitatori, ora ha solo 5 persone che vi abitano. Un villaggio, una volta impegnato e ricco, ha iniziato a cambiare quando le giovani generazioni si sono trasferite. Dubininkai è un progetto su un luogo in transizione.

Bio
Ha studiato presso Accademia di Belle Arti di Vilnius e ha frequentato la Glasgow School of Art dove ha ottenuto un Honours in Visual Communication e ha conseguito un master in Fine Art. Kotryna ha esposto a livello internazionale tra cui StreetLevel Photoworks Glasgow, Kaunas Photography Gallery, Glasgow Women's Library, Trongate 103, Calumet Gallery New York, British Council New Delhi e il Rovinj Photodays festival in Croatia. Ha ricevuto una borsa di studio dal Lithuanian Culture Council per il 2016 e ha vinto il IdeasTap Innovators Fund per realizzare una pubblicazione fotografica.